La nostra scuola
Certificazioni Linguistiche
Scuola di Musica

Fuori dalla plastica

  Istituto Paritario Maestre Pie Venerini
Anno Scolastico 2018/2019

Scuola dell’Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di Primo Grado

La settimana Unesco “Salviamoci dalla plastica: ricerca, raccolta e riuso” è un progetto verticale che ormai il nostro Istituto porta avanti dall’anno 2011-2012, rivolto a tutte le classi d’età dell’Istituto dalla Scuola d’Infanzia, alla Scuola Primaria e alla Scuola Secondaria di 1°grado. La nostra iniziativa ha la finalità principale di cercare di portare piccoli cambiamenti nei nostri alunni attraverso il modificarsi dei loro modi di pensare e di agire, lavorando una settimana all’anno sui temi che riguardano l’educazione sostenibile, la tutela dei diritti Umani e la diversità culturale, l’educazione alla Pace e alla Cittadinanza.

Obiettivi del nostro Istituto sono rinnovati ogni anno e si basano sulla voglia di metterci in gioco con argomenti nuovi, sostenibili, ambientali, che ci permettono di lavorare in verticale dalla Scuola d’Infanzia, alla Scuola Primaria alla Scuola Secondaria di 1°grado, ma anche di creare un rapporto comunicativo e collaborativo fra insegnanti, popolazione scolastica e famiglie, in quanto tutti sono coinvolti nella realizzazione dell’evento.

Attività svolte

Nel quadro della settimana Unesco del presente anno scolastico, dunque, gli studenti di prima e seconda della Scuola Secondaria di 1^ grado hanno svolto un’escursione sul Monte Conero e sulla Baia di Portonovo durante la quale la guida della Forestalp ha sensibilizzato gli studenti sul tema dell’inquinamento della plastica, ed ha mostrato loro alcune sculture da lui realizzate riutilizzando la plastica raccolta in spiaggia. La classe terza, invece, è stata guidata da esponenti dell’Associazione Pungitopo di Ancona nella raccolta dei rifiuti di plastica presso il parco Cardeto, mentre i bambini della scuola Primaria hanno svolto un’uscita didattica presso il porto di Ancona.

Dal 19 al 24 novembre, in classe, sono state svolte le seguenti iniziative didattiche: all’interno della Scuola Secondaria di 1^ grado sono stati svolti lavori di gruppo interdisciplinari relativi alle uscite didattiche ed al problema della plastica, analizzato in maniera specifica a seconda del punto di vista delle varie materie coinvolte. Tali lavori sono stati sintetizzati successivamente in alcuni cartelloni creativi realizzati dagli studenti ed esposti a scuola. Nella scuola Primaria e dell’Infanzia sono state promosse, invece, attività laboratoriali dal titolo “Puliamo il nostro mare”. L’oggetto principale verso il quale si è rivolto il progetto è stato l’inquinamento marino causato dai prodotti plastici e le conseguenze sulla biodiversità. Le attività si sono svolte durante le ore curriculari, coinvolgendo trasversalmente tutte le materie. È stata svolta una importante attività di discussione sui significati dell’esperienza e attraverso esperimenti scientifici, drammatizzazioni, video, letture e l’uscita didattica al porto di Ancona, gli alunni sono stati sensibilizzati alla tutela dell’ambiente marino.

Sabato 24 novembre, inoltre, a conclusione della settimana Unesco, dalle 9.00 alle 13.00 è stato realizzato un momento di condivisione delle attività fra insegnanti, alunni, famiglie e con l’intervento dell’Associazione italiana Giovani per l’Unesco. Questi ultimi hanno proposto momenti di riflessione e di gioco che miravano ad una sensibilizzazione sul tema dell’inquinamento e della plastica. In un momento successivo, gli studenti della Scuola Secondaria di 1^ grado hanno esposto ai genitori ed ai compagni i contenuti relativi ai cartelloni svolti in classe.

Per quanto riguarda la Scuola Primaria, invece, l’attività si è svolta nel modo seguente: gli alunni della classe seconda, in collaborazione con il maestro di musica, hanno cantato una canzone dal titolo “W il mare”, la quale racconta e insegna quello che i bambini possono fare per non usare più la plastica. In questa occasione sono stati coinvolti anche i bambini della scuola dell’Infanzia. Gli alunni della classe terza hanno raccontato l’esperienza vissuta al porto di Ancona e, successivamente, hanno rappresentato in un tabellone i tempi di degradazione dei rifiuti del mare. Gli alunni della classe quarta hanno fatto un esperimento per dimostrare che cosa succede quando la plastica viene gettata in mare o nel terreno.

La giornata si è conclusa con uno spazio musicale curato dal maestro di musica e realizzato attraverso strumenti costruiti con materiali riciclati.

 

Scuola Secondaria di Primo Grado – Classe Terza

Sabato 20 Ottobre i ragazzi di classe terza della Scuola Secondaria di Primo Grado hanno partecipato ad un’uscita didattica, accompagnati dai volontari di Legambiente. Dopo una breve illustrazione in aula sulle problematiche dovute al cattivo smaltimento della plastica e le conseguenze sul nostro pianeta, ci siamo mossi a piedi nelle aree verdi di Ancona e lungo il tragitto ci siamo dedicati alla raccolta di materiale di plastica lasciato a terra e altri rifiuti abbandonati in queste zone, muniti di guanti per proteggerci da eventuali rischi. Partendo dal Cardeto abbiamo raggiunto Via Cadore e Via Panoramica, soffermandoci nei giardinetti di quest’ultima dov’è avvenuto un vero e proprio monitoraggio dei rifiuti presenti, sempre guidati dai volontari di Legambiente; gli stessi hanno fornito delle schede dove annotare il numero e la tipologia di rifiuti presenti in un determinato metro quadrato preso in esame. L’attività è stata svolta in piccoli gruppi e ogni area presa in esame è stata circoscritta con del nastro segnaletico, così i ragazzi hanno potuto sperimentare in prima persona quanto sia importante prendersi cura dell’ambiente e vedere realmente, compilando apposite schede, la quantità dei rifiuti presenti intorno a noi.

                              

0 Commenti

Rispondi

XHTML: Tag disponibili: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Educare per Liberare

Il Progetto Educativo ha un'unica grande finalità, quella di avere il grande obiettivo di un'attenzione massima alla persona con un'azione formativa ad ampie vedute